Folia

2011-12
FOR
violin solo
DURATION
5'
FIRST PERFORMANCE
25.10.12, Latina, Teatro Cafaro, Festival Pontino di Musica, Lina Uinskyte
PUBLISHER
CATALOGUE NUMBER
S. 14236 Z.

Introduction

IT
FR
DE
EN
OR
Folia (Omaggio a Aldo Clementi) è un vagabondaggio spiraleggiante con ritorno a casa assicurato (un vagabondaggio privo di avventura, dunque), ma a una casa sempre un po’ straniera (mai completamente sentita come “propria”). Un vagabondaggio “domestico” e ambiguo nello stesso tempo, nel quale la possibilità della scoperta – tipica, e dichiarata, del viaggio di avventura – non è esclusa, ma è riservata agli oggetti consueti di un consueto vagabondare, ai quali viene posta, con la sorpresa di una ri-scoperta o la decifrazione di un enigma perennemente da svelare, la curiosità del viaggiatore. Un viaggiatore non avventuroso, ma attento. In un gioco di ripetizioni, varianti, sviluppo microstrutturale di una cellula iniziale e di apparizioni di nuovi elementi per allargamento del “raggio di camminamento” del viandante compositore, come quella di due oggetti cristallizzati attorno alle note La e Do che si fanno via via più importanti, quasi a trasformarsi in persona incontrata durante il cammino e in un momento di dialogo con lei. Situazione tipica del pellegrinaggio o dell’ascesa a un monte, nella quale la storia o la natura ci staccano dalla realtà quotidiana e ci permettono di costituire un rapporto profondo con un compagno di viaggio incontrato momentaneamente forse per caso, e che si è certi di ritrovare.
 
S.G.