Froward

2011
FOR
percussion, string trio and brass trio
DETAILED INSTRUMENTATIO
horn, trumpet, trombone, solo percussion, violin, viola and cello
DURATION
15'
COMMISSION
Kunstfest Weimar GmbH for "Pèlerinages 2011"
FIRST PERFORMANCE
27.8.11, Weimar, Weimarhalle, Kunstfest Weimar 2011, Festival "Pèlerinages", Klangforum Wien, Sylvain Cambreling (conductor)
CATALOGUE NUMBER
S. 13836 Z.
Type (one or more words separated by comma) and hit enter
icon find icon youtube icon facebook icon sound cloud

Audio extracts

Froward - Klangforum Wien, S. Cambreling, dur. 13:25, unedited live recording, 2011

Introduction

IT
FR
DE
EN
OR
L'etimologia della parola inglese "froward" associa al movimento contro-corrente ("from - ward", opposto quindi a quello diretto indicato dalle parole "toward" e "forward") un ventaglio di significati di qualità non propriamente positivi come l'essere avverso, scomodo, refrattario, difficilmente piacevole, o l'avere una propensione ad andare contro ciò che è richiesto dalla ragione, dalle regole, dagli usi, e quindi un'inclinazione all'erranza, nel duplice senso di sbagliare qualcosa o di non trovare la giusta via.
E "Capo Froward" è anche un luogo geografico, il punto più meridionale del continente sudamericano, scoperto nel 1587 dal navigatore inglese Thomas Cavendish, che così lo chiamò per il suo aspetto ostile.
Tutto ciò non è senza riferimento alla motivazione lisztiana inerente la commissione dei "Pèlerinages - Kunstfest Weimar 2011". La parabola esistenziale e artistica di Liszt si è compiuta attraverso la trasgressione e il compiacimento mondano accompagnati da uno spirito avveniristico (propri dell'esploratore che scopre nuove terre, varcando il capo mai prima oltrepassato) in un rapporto vivo, spesso contraddittorio e conflittuale, fino alla sublimazione finale, risolutrice e pacificante degli anni che seguirono il 1862 quando Liszt decise di ritirarsi nel monastero della Madonna del Rosario di Roma e poi prese gli ordini minori. "Per i miei fratelli e i miei amici
io dirò: «Su te sia pace!». Per la casa del Signore nostro Dio, chiederò per te il bene.": così recita il Salmo 122 (121), il "canto delle salite" che nel 1884 Liszt scelse di musicare per coro misto, organo, 2 trombe, 2 tromboni e timpani, a cui nella mia composizione si fa, non esplicitamente, allusione.

S.G. 2.5.11
logo
StefanoGervasoni@2020
CREDITS Web Press and CARGO visual OFFICE